Quali risultati puoi ottenere attraverso un’analisi energetica sulla tua casa?

Oggi voglio mostrarti quali risultati puoi ottenere attraverso un’analisi energetica sulla tua casa.

Ormai l’inverno è arrivato e sulla nostra casa anni ’80 cominciano a ripresentarsi i problemi di tutti gli anni:

  • Anche con il termostato impostato a 20°C, ci sono punti della casa in cui sentiamo freddo;
  • Gli ambienti in cui viviamo sono molto umidi e spesso agli angoli delle stanze inizia a formarsi la muffa
  • Iniziano ad arrivare bollette del gas altissime

Ti parlo della casa anni ’80, ma dal punto di vista energetico possiamo tranquillamente paragonarla a una casa costruita negli anni ’60 o ’70.

In pratica le abitazioni costruite prima degli anni ’90 sono state costruite con materiali e tecnologie che non tenevano affatto conto del risparmio energetico.

A partire dagli anni ’90, sono stati realizzati materiali da costruzione leggermente migliori: ad esempio certi tipi di mattoni per murature esterne che riducevano il passaggio di calore da dentro a fuori in inverno.

In quegli anni infatti inizia una ricerca sui materiali da costruzione per renderli più performanti rispetto a quelli che si era abituati a utilizzare, anche se la vera rivoluzione è avvenuta dopo il 2005 e quindi piuttosto di recente.

E così le case costruite prima del 2005 hanno una serie di problemi legati a muffa e consumi elevati che sono particolarmente accentuati sulle casa costruite prima del 1991.

Come abbiamo visto queste differenze nei materiali da costruzione e nelle tecnologie costruttive sono conseguenza prima delle direttive Europee e poi delle leggi nazionali al fine di perseguire una politica di risparmio energetico e ridurre gli sprechi e l’inquinamento.

Purtroppo però la maggior parte delle persone abita in una casa costruita prima del 1991 e quindi oggi deve far fronte a una serie di problematiche, prime fra tutte la muffa e i consumi elevati.

Eppure, mai come oggi c’è la possibilità di risolvere queste problematiche, in modo definitivo. L’importante è non affidarsi al caso e scegliere sulla base di un’analisi accurata condotta proprio sulla tua casa.

Ridurre i consumi è possibile, e i risultati comportano, su una casa esistente, la riduzione delle bollette anche del 30% isolando l’involucro.

E’ chiaro, difficilmente si potranno azzerare i consumi, dato che parliamo di una casa esistente e quindi dove sarà impossibile correggere certi errori fatti quando si è costruita l’abitazione. Ma agendo sull’involucro si possono ottenere ottimi risultati.

Risultati che possono essere migliorati ulteriormente se si va ad operare anche sugli impianti e si definisce una strategia di intervento sulla casa tale da raggiungere degli standard di consumo e comfort simili alle nuove abitazioni di oggi.

Tutto dipende dalla pianificazione che intendiamo fare e dal budget che vogliamo impegnare per il miglioramento della nostra casa.

Capita spesso infatti che chi mi chiama per un’analisi energetica, vuole procedere per gradi. Ossia vuole cominciare impegnando una certa somma e poi negli anni andare ad eseguire anche altri interventi pian piano, perché magari non ha disposizione il budget per fare tutto subito.

A che cosa serve un’analisi energetica?

Ecco che l’analisi gli è utile per programmare i diversi interventi di risparmio energetico di cui hai bisogno. In pratica ti aiuta a capire se per il tuo caso specifico, ad esempio è più urgente fare il cappotto oppure isolare il tetto o il pavimento del piano terra.

L’analisi infatti ti mostra quanto andrai a ridurre le bollette facendo il cappotto e di conseguenza quanti soldi risparmierai negli anni.

La stessa analisi verrà eseguita anche sugli altri tipi di interventi di risparmio energetico come l’isolamento del tetto o l’isolamento del pavimento o la sostituzione degli infissi.

I risultati ottenuti, confrontati con i costi dei diversi interventi, ti diranno quale intervento eseguire per primo e stimeranno i vantaggi che otterrai in termini di riduzione delle bollette.

Questa è solo una parte dell’analisi, un’altra parte riguarda i materiali isolanti da utilizzare e come questi reagiscono se applicati ai muri o al tetto della tua casa.

Inoltre attraverso il sopralluogo individuiamo dei punti critici della casa, dove è necessario fare particolare attenzione nell’applicazione dell’isolante, al fine di ottenere il massimo vantaggio dai lavori eseguiti e non avere problemi ad esempio con la muffa.

In questi casi, diamo delle indicazioni su come applicare l’isolante, così da aiutare l’installatore a eseguire la posa a regola d’arte.

Queste sono alcune delle indicazioni che forniamo con la nostra consulenza che è costruita di volta in volta in base al caso analizzato e a queste informazioni di base:

  •  com’è fatta la tua casa
  • quali sono i problemi che hai riscontrato (muffa, freddo, consumi elevati ecc…)
  • com’è orientata la casa
  • con che materiali sono fatti muri, tetto e altre strutture della casa

Che risultati posso ottenere con un’analisi energetica?

Proprio per farti vedere come si svolge una vera e propria analisi energetica e quali risultati puoi ottenere in termini di risparmio in bolletta e aumento del comfort, ho deciso di invitarti a una serata di presentazione gratuita in cui ti mostrerò alcuni dei nostri lavori svolti.

Avrai la possibilità di conoscere com’è possibile scegliere in modo consapevole un intervento di risparmio energetico e capirai anche quanto siano inutili certi consigli dati da persone non esperte che stanno cercando di venderti il loro prodotto anche a discapito della buona riuscita dell’intervento.

Isolare la propria casa è una cosa seria e ha un costo, per questo è importante cercare di fare la scelta migliore per ottenere il risultato migliore possibile.

Perciò se anche tu senti l’esigenza di rendere la tua casa più confortevole, ridurre le bollette e il problema della muffa, lascia qui i tuoi dati, vedremmo assieme come procedere.

Opt In Image
E se ti dicessi che finalmente puoi risparmiare
e vivere in una casa confortevole?

Scopri anche tu quali sono i 3 errori più comuni nella scelta di un cappotto termico e come evitarli:

• No a materiali scadenti che compromettono il corretto isolamento delle pareti
• Basta affidarsi a installatori e tecnici che non sanno quello che fanno
• No a problemi, sì a un sistema che ti permetta risparmiare e vivere bene


Ho letto la privacy come chiesto dalla L.196/2003.

La nostra polizza sulla privacy protegge il tuo indirizzo email al 100%. Se desideri non ricevere più le nostre email, potrai cancellarti in qualsiasi momento tramite il link posto nelle email stesse, cosi’ come chiesto dalla L.196/2003.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *